fbpx

Abano Terme

Scopri l’oasi di pace e benessere ad Abano Terme, un posto adatto per concedersi un soggiorno senza stress circondata dal parco regionale dei Colli Euganei

Se siete alla ricerca di un’oasi di pace e benessere Abano Terme è il posto adatto per concedersi un soggiorno senza stress. Il comune di Abano Terme si trova in Veneto in provincia di Padova e sorge in una posizione incantevole ai piedi dei Colli Euganei, in una zona termale formatasi 30 milioni di anni fa. Il territorio su cui si estende è prevalentemente pianeggiante, fatta eccezione per alcune colline. Circondata dal parco regionale dei Colli Euganei, Abano può essere esplorata a piedi, in auto ma anche in bici per respirare a pieni polmoni aria pulita.
I periodi migliori per soggiornare ad Abano sono la Primavera e l’Autunno, gradevole anche il periodo estivo con attrattive e divertimenti serali e il periodo invernale con i deliziosi mercatini per i più appassionati.

Tradizione Culinaria

Grazie alla fertilità del territorio, Abano, rispetta la tradizione culinaria Venata con materie prime a Km0 e di alta qualità. In molti piatti spiccano l’asparago e il formaggio pecorino mentre invece per una degustazione più decisa e tradizionale si possono assaggiare anche i bigoli (maccheroni allungati conditi con sugo di anatra) risotti e fegatini alla veneziana. La polenta è un ingrediente fondamentale, viene infatti mangiata in tutti i modi, compresa la variante dolce della “smegiassa”, un dessert proveniente dalla tradizione contadina a base di farina di mais, scorze d’arancia, miele e frutta secca di ogni genere, riunita in pasta e cotta al forno come una torta.

Attività Estive

Abano Terme è la località ideale per chi necessita di cure o chi vuole riposarsi approfittando dei tanti trattamenti proposti dalle SPA degli hotel.
Tante sono le attività da svolgere ad Abano soprattutto nel periodo estivo e primaverile dalle escursioni al nordic walking nei colli Euganei e altre iniziative sportive di facile esecuzione rivolte ai singoli e alle famiglie da parte dei centri termali ospitanti.

Le 5 cose da vedere ad Abano:

1.Piazza Cristoforo Colombo: La fontana monumento a Cristoforo Colombo in piazza Colombo ad Abano Terme. Il monumento venne donato da Armido Bonato, cittadino di Abano Terme, che lasciò la sua città poco dopo la seconda guerra mondiale e fece fortuna in Venezuela. L’atto di omaggio ad Abano Terme è ricordato sul monumento con la scritta: ARMIDO BONATO ALLA SUA CITTA’.

2. Giardini pubblici del Kursaal: sita nel centro dell’isola pedonale di Abano terme, all’interno di essi abbiamo la famosa statua di Pietro d’Abano e la fontana di Arlecchino firmata da A. Sartori. Essa viene considerata un’oasi di frescura che attira e invita a sedersi dopo un’intensa camminata. Il mosaico di vetri colorati attira l’attenzione poiché a seconda delle stagioni e dell’ora cambia il colore dell’acqua rendendo l’ambiente molto suggestivo.

3.Viale delle Terme: E’ il viale dello shopping e dell’animazione di Abano Terme. Qui si può ammirare la Piazza del Sole e della Pace, riconoscibile per la grande meridiana che la decora, realizzata dall’astronomo aponense Salvador Condè. Essa è una grande opera di valore scientifico, astronomico e didattico.

4.Duomo di San Lorenzo: E’ il principale edificio religioso nell’Abano Vecchia. Il Duomo conserva al suo interno opere d’arte di fama internazionale. Tra queste alcune tele della scuola di Jacopo Ceruti detto Il Pitocchetto, le sculture seicentesche di T. Allio, la Flagellazione sull’altare maggiore di B. Litterini e una Via Crucis attribuita a C. Henrici. L’organo è un Tamburini del 1967 recentemente restaurato.

5. La chiesa del Sacro Cuore: Edificata nella seconda metà degli anni Cinquanta, su progetto dell’architetto Giulio Brunetta, è di moderna concezione architettonica.Al suo interno si possono ammirare un Crocifisso, opera dell’artista M. Pinton, un mosaico a forma di croce greca di Saetti, un paliotto di C. Mandelli e due tavole a smalti policromi di De Poli. L’altare e le vetrate della chiesa e del battistero sono di padre Costantino Ruggeri.